SENZaria

cortometraggio

Un uomo. Una piccola fabbrica. I debiti che incombono. D’improvviso la soffocante sensazione di non farcela s’innesca, corrode il tempo e lo sguardo. L’esistenza d’un tratto si rompe. Cade in pezzi l’immagine di un uomo, quella che restituisce il corpo sociale. Gli esperti dicono che nel nostro Paese il fenomeno è cresciuto del 10-15% negli ultimi anni. Dicono che coloro che decidono per il suicidio sono uomini che hanno perduto la loro immagine, che hanno incontrato uno specchio ormai in pezzi. Pietro rimasto “Senz’aria”, compie il tentativo disperato di ritrovare la dignità smarrita, di ricostruire la sua immagine andata in frantumi.